Tipologie di Giochi da Tavolo (o GdT)

Scacchistici, german, american, family game, party game… alcune semplici indicazioni per capire di cosa si sta parlando quando si incontra un giocatore da tavolo.

Presentiamo qui una brevissima lista per spiegare come noi giocatori da tavolo cerchiamo di definire, in qualche modo, le tipologie di Giochi da Tavolo (e, mi raccomando, non Giochi da Tavola!), spesso abbreviati semplicemente in GdT.

SCACCHISTICI: sono tutti quei giochi che ricordano in qualche modo gli scacchi (sic!). Spesso sono giochi per due giocatori, tuttavia alcuni possono anche coinvolgere più giocatori. Inutile dirlo, la fortuna in questi giochi non c’entra nulla, la capacità di metter su una strategia da parte di un giocatore è alla base del gioco stesso.

Titoli da esempio, escludendo gli ovvi Scacchi, Dama e Go: Abalone, Taluva.

GERMAN: sono quei giochi in cui la fortuna ha poco o nessun peso e che premiano le doti di strategia e gestione dei giocatori. Sono quei gioco “cervellotici”, dove i giocatori sono chiamati a fare molti calcoli (simil-matemateci) nel tentativo di fare più cose possibili e cercare di vincere la partita. Hanno questo nome perché la maggior parte di questo tipo di giochi vengono creati da autori tedeschi. Oltreoceano li chiamano “euro-games”, per contrapporli agli “american”.

Titoli da esempio: Terra Mystica, I viaggi di Marco Polo.

AMERICAN: sono i giochi dove si tirano milioni di dadi, spesso con miniature in plastica/resina. La fortuna ha un peso specifico importante e possono essere dei tutti contro tutti, cooperativi o dungeon crawler.

Titoli da esempio: Assalto Imperiale, Zombicide.

FAMILY GAME: sono i giochi adatti a tutti. Sono quei giochi che possono giocare sia i bambini che gli adulti: tendenzialmente abbastanza semplici e divertenti.

Titoli da esempio: Celestia, Sheep Race.

PARTY GAME: sono i giochetti che si fanno alle feste. Anche questi sono adatti a tutti e se al tavolo c’è qualche giocatore un po’ tonto o imbranato, il gioco diventa ancor più divertente.

Titoli da esempio: Tabù, Nomi in Codice.

Queste cinque macro-categorie sono elencate, più o meno, dalla più difficile alla più facile da giocare. Ovviamente, all’interno di ogni macro-categoria ce ne sono molte altre più “piccole” che vanno a dare maggiori dettagli ed informazioni sui giochi.

Inoltre, ci sono dei giochi che si pongono un po’ a metà tra due categorie. Esempi possono essere Blood Rage (a metà tra un german e un american) oppure Dungeon Fighter o Lupus in Tabula (a metà tra un family game e un party game) o anche lo stesso Pozioni Esplosive (a metà tra un german e un family game).

Questo articolo, per ovvie ragioni, rappresenta una semplificazione estrema ed è stato pensato in maniera così schematica per dare dei piccoli e vaghi punti di riferimento a chi si è avvicinato da poco al mondo dei giochi da tavolo. Se siete interessati a saperne di più, venite a giocare con noi e a scoprire il fantastico mondo dei giochi da tavolo.

Presentiamo: A Song of Ice and Fire, gioco da tavolo di miniature

A Song of Ice and Fire è un gioco di miniature che, con un regolamento semplice ed efficace, permette di giocare le battaglie e gli scontri del mondo creato da George R. R. Martin.
Il gioco si basa su tre elementi essenziali, le Unità, che possono essere di fanteria, cavalleria o mostruose, il mazzo delle Carte Tattiche e la Tactic Board.

Le unità sono fornite già complete (di norma 12 miniature per la fanteria e 4 per la cavalleria), non dipinte, con la loro basetta di movimento e non richiedono alcuna fase di assemblaggio. I tempi per iniziare a giocare sono perciò praticamente nulli: basta aprire la scatola, sistemare le miniature negli alloggiamenti delle basette e dar via alla battaglia.

Altro elemento fondamentale del gioco sono le carte del mazzo tattico, che rappresentano le Fog of War (Nebbie della Battaglia) ovvero gli elementi improvvisi che si verificano in uno scontro.
I mazzi sono composti da 14 carte base appartenenti a ciascuna casata, alle quali se ne aggiungono 6 appartenenti al Comandante che si sceglie come leader della propria armata, per un totale di 20 carte tattiche.

Terzo elemento è la Tactic Board, elemento chiave a bordo del tavolo di gioco sul quale si muovono gli NCU (Non Combat Unit) che altro non sono che i personaggi più conosciuti del romanzo e della serie televisiva che, muovendosi sulle Zone della Tabella Tattica e attivando le loro abilità, influenzano gli esiti dello scontro.

La battaglia a questo punto è servita, vi aspettiamo al nostro club per provare questo avvincente gioco o anche solamente per approfondire i tanti argomenti di A Song of Ice and Fire.

Post del “Presidente”